Press Enter to Search

"Io ti salverò" – l'esempio dei migranti di Rosarno

Gli africani salveranno Rosarno (e, probabilmente, anche l`Italia) a cura di Antonello Mangano, è uno straordinario libro che narra le vicende dei migranti di Rosarno e l’ambiente che vivono. Un ambiente difficile, uno dei territori più ferito dalla ‘ndrangheta e dalle sue logiche. Quando ci siamo incontrati, Antonello mi ha descritto, con una frase, questo lavoro in 104 pagine: “E’ un libro politico, è un grido di protesta, è una ricognizione.” Mangano mi spiega che il titolo del libro, per lui, non è provocatorio e prende spunto dall’ultimo atto di violenza compiuto a Rosarno da italiani contro i migranti. Il 12 dicembre del 2008 (lo stesso giorno della strage fascista di piazza Fontana) vengono sparati vari colpi di pistola contro degli africani, uno di essi viene ferito e finisce in ospedale. Una rapina. Se fosse stato ferito un tabaccaio di Cernusco Lombardone, durante un furto, ne avremmo sentito parlare fino alla prossima era glaciale! Molti migranti vengono da Castel Volturno e dal casertano, dove raccolgono i pomodori o fanno altri lavori ed arrivano a Rosarno per la raccolta degli agrumi tra la fine di settembre e gli inizi di ottobre. Hanno già visto, in Campania, sei persone morte ammazzate solo a settembre, cui seguì una rivolta. Sei ragazzi uccisi da un gruppo di camorristi strafatti di coca, con l’ordine di far andare via i neri da Castel Volturno, visto che si sono riaperti i giochi di cementificazione nella zona del famoso Villaggio Coppola. Con ancora negli occhi quei sei cadaveri, gli africani di Rosarno, danno vita ad una forte protesta (o meglio un riot) antimafia come non se ne vedevano da anni in queste zone. Scendono in strada, protestano, ribaltano i cassonetti. Più o meno in contemporanea si forma una fila di gente davanti al commissariato che vuole collaborare alle indagini. La protesta contro la ‘ndrangheta arriva per le strade senza paura, esasperata e cade anche il muro dell’omertà. Per tutta risposta vengono arrestati i presunti colpevoli, ma alcuni migranti rischiano di essere espulsi perché non in regola con i documenti. La solita ottusa imbecillità burocratica di zelanti funzionari di stato. Questa premessa spiega il perché del titolo del libro: “il gesto di ribellione degli africani può essere un simbolo di salvezza per tutti coloro che vivono non solo a Rosarno, ma in tutte le aree oppresse dalla mafia ed in generale da forme di dominio basate sulla violenza.” dice Mangano. La Calabria ha avuto e ha possibilità di combattere la mafia e vincere (anche se sono termini da ministro della guerra) sia con l’aiuto dei migranti, ma anche aiutandosi e prendendo coraggio. Questo uno degli spunti importanti che dà Gli africani salveranno Rosarno: non c’è un compiacimento nella rassegnazione a vivere un territorio dov’ è rischioso anche solo mettersi troppo in mostra. Il messaggio è, anche, che la ‘ndrangheta non è così totalizzante e che ci sono degli spazi in cui inserirsi ed attaccare il suo potere. Certo, la situazione non è rosea: “Ho frequentato per una decina di anni il vibonese, e mai ho sentito nominare i Mancuso*, che invece sono celeberrimi nelle cronache nere e nei rapporti giudiziari di mezzo mondo. Solamente, ho colto di rado qualche riferimento realmente grottesco, del tipo “quelli lì”, la “famiglia” o addirittura la “Banda Bassotti”. Pur se pronunciato nella sicurezza della propria abitazione, tra quattro mura, ogni riferimento alla mafia avveniva sempre a bassa voce…I clan non hanno solo il controllo militare del territorio: hanno conquistato pure le anime, terrorizzato le menti. Ecco perché la rivolta di Rosarno mi è sembrata così importante! E’ un segnale che dice: tutti insieme la paura scompare; da ora in poi saranno loro a doversi preoccupare, a doversi nascondere.” E’ probabile che questo idea non sia stata colta da tutti gli abitanti della piana di Gioia Tauro. - Dove sono le istituzioni? Nella zona dove vivono i migranti (molti nella cosiddetta cartiera), la Regione Calabria ha messo a disposizione dei bagni, qualche doccia (con acqua fredda) e Medici Senza Frontiere ha fatto qualche vaccinazione. Sembra assurdo, ma anche questi piccoli interventi hanno in minima parte contribuito a migliorare una situazione da crisi umanitaria. Loiero ha consigliato ad ogni calabrese di passare per la cartiera. Non è una cattiva idea, ma dopo quattro anni di governo, ha il sapore di una pessima battuta che lascia l’amaro in bocca. Mentre qualcosa nel centrosinistra si muoveva (giusto il tempo di un tg regionale), alcuni sindaci ed amministratori di centrodestra, che governavano la piana, erano stati arrestati, accusati di vari reati, tra cui concorso esterno in associazione mafiosa. Quando una macchina delle suore è stata bruciata nella stessa zona, si è scelto, però, di parlare genericamente di ‘inciviltà’. I migranti, invece, non si vogliono rassegnare a questo Sud che attraversano da comparse da Castel Volturno a Rosarno, mentre noi del posto siamo come assuefatti dalla violenza e dalla prevaricazione. Non possiamo neanche dimenticare che solo qualche mese fa il ministro degli interni Maroni ha detto, con la sua solita arroganza, che bisogna essere cattivi con i clandestini. Sinceramente, è triste ed ingiusto pronunciare e solo pensare una frase del genere, soprattutto avendo negli occhi la coraggiosa rivolta di settembre in Campania e di dicembre in Calabria. E’ un modo di esprimersi da nazifascista, inutile girarci intorno. Tra luglio ed ottobre sono stato a Castel Volturno, Caserta e Napoli a girare un documentario (titolo provvisorio: Rifiutati) sui migranti in Campania. Questo nuovo lavoro mi ha dato la possibilità di conoscere la situazione campana e, indirettamente, anche quella di Rosarno. Per quello che ho visto e sentendo le testimonianze delle persone con cui ho parlato, posso dire che se non ci fossero centri sociali ed associazione organizzate dal basso (come l’ Osservatorio Migranti di Rosarno) molti migranti sarebbero completamente abbandonati a sé stessi, frastornati da una società che non conoscono. Vedendo il migliaio di persone che arriva a Caserta due volte a settimana, al centro sociale autogestito Ex Canapificio, per avere consulenza legale, sui permessi di soggiorno o su questioni legate al lavoro, ho provato un forte disagio. Lì c’erano un sacco di ragazzi italiani e stranieri, chiaramente anche avvocati, che davano un aiuto, gratuito, ad altre persone che spesso parlano solo inglese o francese (altro segno d’isolamento). Tutto questo lavoro è completamente autorganizzato ed autogestito. L’avanguardia della tanto sbandierata integrazione è in mano a gruppi di ragazze/i spesso comunisti (ma non ravanelli: rossi fuori e bianchi dentro), spesso anarchici. Vorrei sottolineare che il significato della parola  ‘integrazione’  non vuol dire  che uno nero deve diventare bianco. - Politiche d’integrazione. Tra le politiche sull’immigrazione vanno segnalate le esperienze di Caulonia, Stignano e Riace. Comuni che hanno deciso di accogliere i richiedenti asilo riempendo i centri storici, abbandonati dai vecchi residenti e non facendo chiudere asili e scuole, minacciati dai tagli targati Tremonti/Gelmini. Nei giorni della crisi di Lampedusa (mai finita) il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, si era offerto per accogliere ben 200 persone. In molti criticano questa politica perché si dice sia un modo per portare soldi e gente in paesi morti. Secondo me, non è solo questo a muovere gli amministratori locali. Comunque, bisogna riconoscere che questa è una politica sull’immigrazione e non farfugliare, ringhiare e sbavare di chiudere le frontiere (ricordate quando il mite Gasparri diceva ad inizio legislatura “La festa è finita!”?). Questa non è politica dell’immigrazione, questa è una malattia e si chiama rabbia,  è infettiva e colpisce gli animali a sangue caldo e può essere trasmessa all’uomo. L’animale ‘serbatoio’ è solitamente il pipistrello, mentre l’infezione umana è mediata solitamente da cani o dalle volpi. Il pipistrello è l’animale noto nella tradizione per la caratteristica di succhiare il sangue, il cane è noto per la fedeltà al padrone e la volpe è nota per la sua scaltrezza, la stessa che alcuni politici credono di avere, sfruttando e fomentando il razzismo degli italiani per un piatto di lenticchie. Tra parentesi: qualcuno vuol dire ai lobotomizzati calabresi, che si sono candidati con la Lega Nord, che è un partito di razzisti e ce l’ha pure con i meridionali? Capisco la crisi, però a ‘sto punto è meglio rubare! Per tornare a Mimmo Lucano: il sindaco di Riace è, da poco, stato vittima di un atto intimidatorio e vigliacco cioè l’uccisione, per avvelenamento, dei suoi cani. Lo stato ha subito risposto! I carabinieri hanno detto che magari davano fastidio a qualcuno perché abbaiavano e quindi sono stati uccisi, ma non si può parlare d’intimidazione. Hanno aggiunto che i cani mica vivevano in casa del sindaco e quindi chi poteva immaginare che erano proprio i suoi? Senza parole… Tra l’altro, Lucano, è stato vittima di un’ altra intimidazione il 15 marzo: ignoti (sic!) hanno sparato contro la vetrata del suo ristorante. Però la vetrata non stava proprio dentro il ristorante, era un pò dentro ed un pò fuori. Una posizione che gli inquirenti giudicano ambigua. - Non bisogna chiudersi nel privato. Non bisogna credere a quello che ci viene detto dalla televisione, tutta controllata da Berlusconi, che propaganda l’equazione migrante=delinquente e bisogna trovare la forza di ribellarsi alla ‘ndrangheta e soprattutto alle sue logiche  che pervadono la società italiana da nord a sud. Non bisogna cedere alla paura e rinchiudersi tra le mura di casa: “Ormai si vive ritirati, mi diceva un testimone rosarnese, riferendosi alla prevalenza dello spazio privato su quello pubblico. Con parole più dure, diremmo che la quotidianità scorre nell’ossessivo tragitto casa-lavoro. Che la cura delle abitazioni e della famiglia ha il compito di riempire le esistenza, con la speranza nascosta che i problemi esterni non vengano a turbare la tua quiete: talvolta anche ‘farsi i fatti propri’ può non essere sufficiente.” Quando ho chiesto ad Antonello Mangano cos’era cambiato prima dell’ultimo atto mafioso (se non lo è per matrice lo è per mentalità) contro Lucano e dopo la rivolta dei migranti, lui m’ha risposto: “Non ci sono stati altri episodi di violenza contro gli immigrati (non così verso i rosarnesi), e questa è l’unica cosa che è realmente cambiata. Lo scopo dell’Osservatorio (il soggetto che abbiamo costituito dopo la rivolta) era quello di tenere alta l’attenzione ed impedire altri episodi di violenza. A dicembre sembrava davvero un obiettivo ambizioso, la rabbia e lo scoramento erano tante, perché dai primi anni ’90 ogni anno si ripetevano queste piccole e grandi aggressioni e mai nulla era cambiato.” Forse è proprio in queste righe il senso profondo della rivolta e dove si annida una possibile rivoluzione per la nostra terra: non chiudersi nel privato. Riuscire a capire, mettere in gioco sé stessi rispetto al contesto che ti vorrebbe intimidito e che ti costringe ad uniformarti al pensiero dominante, nel quale è insito l’assunto agghiacciante  immigrato = cattivo. Si tratta solo di spendere del tempo. *Secondo il rapporto dell’ultima commissione antimafia presieduta da Francesco Forgione e secondo molti magistrati la’ndrina dei Mancuso è una delle più potenti, a livello economico, nel mondo.
Share

One Comment

Post Comment

goin up
t Twitter f Facebook g Google+