Press Enter to Search

La Fabbrica dei Clandestini-da Manduria a Ventimiglia 2011

5-6 giugno 2011 Sole, caldo, ombrelloni aperti e bagnanti a spasso sul lungomare; ma non come al solito quest’anno. Il turismo infatti, nella bella località ligure, è diminuito da quando neanche 200 migranti, provenienti dalla Tunisia, abitano qui in attesa (e con la speranza) di poter migrare in Francia o altrove in Europa. Una fioraia al mercato ci tiene a precisare che la presenza di turisti non è diminuita per la presenza dei tunisini, ma perché i giornalisti hanno fatto diventare Ventimiglia come Lampedusa, pur non essendo minimamente vero. Ieri, come già annunciato, la stazione è stata sgomberata definitivamente e il centro di accoglienza chiuso per essere restituito alle ferrovie italiane. Il tutto senza intoppi. I ragazzi si sono auto organizzati e hanno proposto alla regione delle liste per la “distribuzione” nei centri di accoglienza individuati. Naturalmente gestiti dalla Croce Rossa e dalla Protezione Civile. E’ passato un mese da quando alcuni politici della regione, tra cui Enrico Vesco, (assessore alle Politiche attive del lavoro e dell’occupazione, con delega alle politiche dell’immigrazione e dell’emigrazione), annunciarono la fine dello sciopero della fame, che durava da 4 giorni, e si assunsero l’impegno ad elaborare una soluzione di alloggio e lavoro. Da allora la Protezione civile, la Croce rossa, l’Arci e due portavoce dei migranti tunisini a Ventimiglia, Maher e Jamhel, si sono incontrati quasi ogni giorno per stilare una lista dei 167 tunisini presenti a Ventimiglia ed elaborare un piano di dislocamento fra i vari centri di accoglienza di Torino, Genova e Savona. In questi centri resteranno per una settimana circa (o almeno questo è il piano accordato) per poi essere dislocati in realtà più piccole come Albenga, unico centro dato per certo anche dal Presidente provinciale della Croce Rossa Vincenzo Palmero. La speranza che cogliamo nelle testimonianze dei cittadini  è che questo restituirà la stazione, la spiaggia e il giardino pubblico ai ventimigliesi in parte infastiditi da questa presenza. Giorni e giorni di discussioni per permettere che dai centri di accoglienza più grandi si riescano a distribuire le persone in unità di accoglienza più piccole senza precludere la possibilità ad amici e parenti di restare insieme. L’ultima notte sono in 30 gli uomini che ancora dormono alla stazione, quelli che nonostante il centro di accoglienza trovano qui più libertà. C’è chi racconta che sia all’ingresso che all’uscita vengono  perquisiti per trovare droga, armi o chissà che altro. A uno dei ragazzi hanno aperto la suola della scarpa, dopo averlo tenuto nudo per mezzora,  per verificare che non ci fosse nulla nascosto dentro. Dal giorno dopo ha deciso di ritornare a dormire sul pavimento della stazione. Sporco, scomodo, ma pur sempre libero. Ospiti della stazione sono anche una famiglia di africani,  clandestini ovviamente, che cercano la loro via per la Francia con la speranza di ottenere l’asilo politico. Da domani di sicuro si vedranno meno tunisini in giro a Ventimiglia, ma non sarà certo la fine dei problemi d’immigrazione di questa città di frontiera di estrema destra in cui, anche per tenersi un lavoro alle poste, è meglio tacere la propria filosofia politica se in contrasto con la maggioranza. Si parla tanto di omertà tipica del sud Italia, eppure a Ventimiglia c’è chi non rilascia interviste davanti ad una telecamera perché li governa il PDL ed esprimere una diversa opinione significa perdere il lavoro e il rispetto dei concittadini. Tra i tunisini che si sono occupati delle trattative con le autorità ci sono Jamhel e Maher. Il primo portavoce della protesta e impegnato nella  contrattazione che ha permesso questa soluzione temporanea, un uomo di circa 55 anni che per 12 ha vissuto e lavorato in Francia da clandestino e che, stanco di vivere da emarginato,  è ritornato in Tunisia nella speranza di poter creare nel suo paese un’esistenza dignitosa. Poi la rivoluzione e la crisi economica. La possibilità di provare nuovamente, assieme a tanti connazionali, a rientrare in Francia attraverso l’Italia con un “permesso di soggiorno” che si rivelerà “inutile”. Maher, 26 anni, parla correntemente 5 lingue, ex atleta agonista, diplomato e qualificato, intraprendente e colto, con una forte volontà di trovare delle migliori possibilità nella vita per se e quelli che condividono le stesse problematiche. Anche lui è stato un personaggio importante di questa contrattazione. Insieme a Jamhel ha scritto la lista, includendo anche chi, alla fine non è potuto partire perché il permesso non l’ha avuto. Quando il 6 giugno il primo pullman ha lasciato Ventimiglia per Torino, Maher e Jamhel sono partiti per il Lussemburgo, sfidando la fortuna alla frontiera, per recarsi ad un incontro con i parlamentari europei in cui si discuterà di una soluzione a questo “problema”. Questo “problema” fatto di persone la cui dignità è stata nuovamente calpestata nel momento in cui hanno toccato la terra della libertà, l’Italia, rischiando la vita per mare per poi essere rinchiusi, raggruppati, sfamati e accuditi come fossero incapaci di badare a se stessi. Derisi e respinti alle frontiere, impossibilitati dalle istituzioni a trovare un lavoro regolare. Oggetto di maltrattamenti e ingiuste detenzioni in Francia, dove i permessi italiani vengono strappati in faccia ai ragazzi tunisini, dove il razzismo sembra aver vinto su tutto. Quello che viviamo ogni volta che siamo in mezzo agli uomini di questo popolo è una cultura del rispetto e della dignità forte come la nostra, per moltissimi valori accomunabile, per altri anche superiore. Certo è semplice farsi prendere dal pregiudizio davanti ad un uomo che non può farsi la doccia da un mese, che non sa cosa sarà della sua vita, che nonostante riceva “amorevolmente” cibo e vestiti non possa incamminarsi liberamente verso il futuro che ha sognato, il futuro che noi gli abbiamo mostrato attraverso televisioni e turismo sfrenato. Il futuro che ora gli neghiamo. Dall’altra parte c’è ancora una Tunisia che ci spera, che confida nelle parole dei politici: da giorni infatti i media tunisini passano la notizia di un accordo fra le istituzioni italiane e quelle tunisine, accordo che prevedrebbe l’assegnazione di un permesso di soggiorno valevole per due anni per circa 3000 persone. Rimane il fatto che le altre 3000 persone in possesso di permesso temporaneo  verranno rimpatriate allo scadere dello stesso , salvo che l’incontro di questi giorni tra parlamentari europei e tunisini porti davvero alla formulazione di una soluzione concreta, stavolta europea e condivisa. Alla fine di tutto partiamo con una frase ripetuta nelle orecchie … “Moi, je veux rester en Italie, la France c’est raciste….”.E noi?   18 maggio 2011, Ventimiglia. Il portavoce dei migranti di nazionalità tunisina alla stazione di Ventimiglia è Jamel, anch’esso tunisino, in Italia da 10 anni, con un passato da clandestino ed oggi in contatto con Arci, politici, digos, ex digos e varie associazioni e gruppi, italiani e francesi presenti in loco. Questa mattina è avvenuto un incontro fra gli occupanti la stazione e questo Jamel. Dalla nostra fonte, M., 26 anni, tunisino occupante della stazione de più di un mese, risulta che sia stata confermata la reale presenza di centri di accoglienza atti a contenere tutti i 200 tunisini, ma finora non vengono indicate né tempistiche né modalità di inserimento. Le promesse sono rivolte anche alla possibilità di inserimento nel mondo del lavoro grazie a speciali accordi intercorsi fra lo stato Italiano e quello Tunisino; allo stesso tempo continuano ad essere proposte facilitazioni per tutti quelli che desiderino rientrare nella loro patria. Dei 200 occupanti ogni sera circa 150 vengono portati con bus della croce rossa in un centro di accoglienza vicino a Ventimiglia, e la mattina riportati in stazione. Gli altri 50 restano in stazione anche per la notte. Nella pratica, sostiene M., non è più possibile lasciare la stazione per recarsi ai giardini o alla spiaggia, se si vogliono evitare continue sollecitazioni da parte della polizia a rientrare alla stazione. 17 maggio 2011, Ventimiglia . Lo scenario è ancora la stazione, da più di un mese luogo di accoglienza precaria per le centinaia di immigrati tunisini ancora speranzosi di oltrepassare il confine con la Francia. Dopo che gli assessori alle politiche d’immigrazione e del lavoro della regione Lombardia avevano promesso di risolvere la questione alloggi per tutti i Tunisini che vivono e dormono in stazione, in 10 giorni a partire dall’8 maggio 2011, nella realtà le pratiche di svuotamento della stazione si stanno svolgendo del tutto differentemente dalle promesse fatte. Il numero delle persone occupanti l’area bagagli a mano della stazione è in costante crescita e con loro le forze dell’ordine in tenuta antisommossa. Se è vero che i migranti in questa sala devono dormirci, mangiarci e cambiarcisi allora è anche naturale che sia il posto dove spendono tutta la loro giornata, ma non è altrettanto naturale la pretesa della polizia che non si alzi mai la voce e che tutti si adeguino ad un comportamento pubblico, quando questo luogo pubblico per qualcuno da un mese mezzo è una camera da letto. Immediatamente dopo le promesse dell’Ass. Enrico Vesco che durante la conferenza stampa di domenica 8 maggio 2011 disse chiaramente: “siamo qui per soddisfare le vostre aspettative ed il governo Italiano deve fare di più” e “diamo accoglienza dignitosa a chi vuole stare qua e come è stato fatto a Genova, troveremo per voi u posto in accoglienza” partì una ordinanza del sindaco di Ventimiglia per liberare la stazione dai suoi ospiti. Di fatto Venerdì 13 notte le autorità, dopo aver tentato di sgomberare la stazione alle 3.30 del mattino, con la scusa di dover pulire l’area, hanno proceduto all’arresto di 10 migranti, processati per direttissima il giorno seguente. Il processo si è concluso con un patteggiamento per una pena di 8 mesi di reclusione. La pena è stata sospesa condizionalmente e il permesso temporaneo di soggiorno è stato revocato, con conseguente atto di espulsione. Tale espulsione è di tipo amministrativo ricorribile entro 60 giorni al Tribunale Amministrativo Regionale. Tutte le promesse, oggi, paiono un tentativo ben riuscito di far cessare lo sciopero della fame agli 80 tunisini in quei giorni occupanti la stazione e la spiaggia della ridente e assolata Ventimiglia, onde evitare che sempre più persone dovessero essere soccorse dalla croce rossa in seguito a malori e di dare troppa eco alla voce di questi migranti, non ritenuti in stato di emergenza da nessuno stato in Europa. Di contro le autorità si sono ben ed efficacemente adoperate per garantire il rientro in patri di 26 tunisini, garantendo una totale copertura delle spese di viaggio, vitto, vestiario e 200 euro per ogni sorta di imprevisto. Di fatto esiste un’associazione italo francese di 30 cittadini chiamata “collettive de la valleè de la Roya” che si occupa di assistenza a questo gruppo di migranti dispensando cibo, coperte, supporto morale che in parte collabora con un collettivo di Dolce Acqua chiamato insurreale. Ciò che vorremmo evidenziare è la mancanza di un costante ed organizzato supporto legale e politico, di forme di protesta nazionali per dare rilievo alla situazione ed un margine di risonanza più ampio alla situazione ed una opposizione alle dinamiche di confini territoriali sia per quel che riguarda il caso di Ventimiglia che in generale sul territorio nazionale. Denunciamo lo stato di incertezza in cui queste persone vengono tenute da lungo tempo e vorremmo promuovere una politica di inclusione in cui ci siano piani e risposte serie e non vaghe promesse. teleimmagini+sara da non perdere berlusconi che invita i tunisini a venire in italia per avere una vita migliore http://www.youtube.com/watch?v=UkmsUUIuulc   6 maggio 2011, Ventimiglia Anche qui, come a Manduria, trovo il caos. Ognuno sa una cosa diversa ed ha avuto una esperienza diversa. Quando siamo arrivati il gruppo di tunisini al momento in città (circa 250) era diviso fra la stazione e la spiaggia. Gia da 3 giorni era in atto uno scipperò della fame (partecipato non da tutti) e visto che i giornalisti hanno strumentalizzato la parte di loro che non vi partecipava per screditare la valenza di tale azione, chi invece voleva rivendicare dei diritti e lo sciopero stesso, si era spostato in un accampamento costruito sulla spiaggia. Le ragioni di questo sciopero, non erano solo relative alla possibilità di prendere il treno per un paese Europeo ma piuttosto la possibilità di rendere il documento da loro in possesso un possibile permesso di lavoro. All’oggi, tale permesso di soggiorno per diritti umanitari può essere convertito in permesso di lavoro solo in Italia ed in pratica la Francia ha fatto partire delle ricerche nelle case dei tunisini per verificare se vi sono alcuni di quelli in possesso del permesso di sogg. in questione con conseguenti arresti. Dopo poche ore di occupazione della spiaggia un cospicuo gruppo di forze dell’ordine ha sgomberato l’accampamento con la minaccia di ripercussioni sul permesso di soggiorno e la promessa di riavere i materassi alla notte in stazione (promessa mai mantenuta), per garantire un minimo di dignità a chi ha bisogno di un posto x dormire e vuole continuare lo sciopero della fame. Durante la notte, un ragazzo viene portato via dall’ambulanza a seguito di un malore causato dai giorni di digiuno. http://www.riviera24.it/articoli/2011/05/07/109167/emergenza-profughi-sg… 7 maggio 2011 Nella mattinata viene indetta una conferenza stampa, organizzata dall’arci e dal coordinamento antirazzista imperese durante la quale Enrico Vesco (ass. politiche di lavoro e immigrazione regione Liguria) in primis rilascia una serie di promesse che fanno terminare lo sciopero della fame, quali che verranno distribuiti entro 10 giorni tutti gli occupanti della stazione all’interno di centri più o meno grandi di accoglienza dove si potrà trovare un corso di italiano ed un aiuto a trovare lavoro. Saranno presenti anche Giancarlo Manti e Conti Giacomo della ed. della sinistra. Per non risparmiare false promesse viene aggiunto che saranno organizzati pullman per chi ancora vuole andare in Francia, accompagnati da giornalisti con l’intento di far passare la frontiera a chi lo desidera. Di fatto appena i giornalisti lasciano la conferenza stringiamo Vesco in un angolo, che subito si sbottona e confessa che non esiste ancora nessun tipo di accordo in materia e che le trattative con la regione devono ancora essere tutte intavolate. la mia idea su questa vicenda è che fra i giovani tunisini che ho incontrato a ventimiglia ben pochi godevano di cultura politico-istituzionale e ancora meno avevano una idea chiara della loro posizione legale in italia. Di fatto sono stati manovrati da accordi intercosi fra Famà,del coordinamento antirazzista imperiese ed un certo Jahmal, di origine tunisine, da molti anni in Italia, con percorsi da clandestino, scelto come portavoce del gruppo di tunisini ma che in realtà non ha mai interpellato il gruppo per capirne la volontà e le intenzioni. http://arciliguria.it/2011/05/07/ventimiglia-arrivano-le-rassicurazioni-… Durante la giornata segue una assemblea alla quale partecipano gli attivisti di ventimigli e Torino, alcune associazioni francesi, i tunisini e dei cittadini italiani dalla quale emergono dei dettagli sui centri di accoglienza: non sarà possibile per nessuno sciegliere con chi essere alloggiato, anche se ci sono gradi di parentela non sarà possibile lasciare il centro per più di 2 giorni senza indicare dove si va e con chi se non si vuole essere ricercati 9 maggio 2011 Nella notte, verso le 3 la stazione viene totalmente sgomberata e vengono fatti degli arresti. Molti  sono dispersi e gli altri restano x ora a dormire in spiaggia non ho trovato pubblicato nessun articolo in proposito Durante il giorno un’associazione locale ha raccolto i nomi di quelli rimasti x collocarli nei centri di accoglienza come dichiarato alla conferenza stampa. A rimini dallo sprar ed un assessore alle politiche migrazione di riccione mi dicono che a quelli dei tunisini che vengono alloggiati nei centri caritas e protezione civile viene convertito il permesso di soggiorno in un permesso di non lavoro estendibile fino a dicembre. Incredibile vero??? Ogni ospite costa 50 euro al giorno e non potrà mai lavorare. Per assurdo pare che l’unica soluzione per avere un futura sia essere un clandestino. Infatti si discuteva l’idea di far partire una denuncia su questa situazione degli alloggi che deve però estendersi al nazionale e non può rimanere locale per avere una certa eco.Mercoledì sera se ne discute a Rimini Un privato può ospitare un migrante tunisino con questo permesso per diritti umanitari, ovviamente previa denuncia alle autorità.   21, 22, 23 aprile 2011 contrada Tripoli, s.s. Oria-Manduria Il campo di contrada Tripoli, sulla Manduria Oria, in questo mese luogo di accoglienza i migranti della tunisia è gestito da due coperative che si occupano di progetti di accoglienza per migranti, la Connecting People e la Nuvola. La questione emergenziale, anche qui come per i terremoti, viene gestita senza gara d’ apalto e di sub-appalto e di fatto in 2 giorni hanno costruito un campo da 2 milioni di euro, con 500 tende, atto ad accogliere 4200 persone (quando la convenzione è per 2000 persone), identico a quello dell’Aquila. Costa 45.00e. al giorno per il vitto degli utenti e viene servita 2 volte al giorno pasta al sugo. Non è chiara la valenza giuridica di questo campo, in quanto non è un CIE e non è un CARA per definizione e forma, i ragazzi possono entrare ed uscire liberamente e non sono profughi. Se in possesso della cifra di 30 euro possono ottenere un permesso di soggiorno per ragioni umanitarie valido 6 mesi che gli permette di muoversi liberamente in tutta Europa. La magior parte di loro vuole andare in Francia o Germania, dove hanno parenti o contatti, moltissimi sono scappati, o meglio semplicemente usciti dal campo per vie secondarie, palesemente sotto gli occhi delle forze dell’ordine e della protezione civile,ma appena si è diffusa la voce che era possibile ottenere facilemnte un documento, tutti sono tornati. Attraverso un mediatore colturale che lavora all’interno del campo, ho saputo che legalmente non è prevista questa clausola dei 30 euro e da oggi, per accellerare l’uscita degli ultimi 600 sono stati rilasciati documenti indipendentemente dai soldi. Fin’ora per diverse settimana i cittadini dei paesi limitrofi e della puglia in generale si sono operati a risolvere molte difficoltà degli stranieri, come fare da prestanome e aiuto per ritirare i soldi mandati dalle famiglie alle varie western union. 3 giorni fa all’interno del campo gli immigrati erano 1700 e ogni giorno partono diversi pulman per destinazioni non ben chiarite. In alcuni momenti, per alcuni giorni sembrava che prendere l’autobus fosse un’altra condizione essenziale per avere il permesso. Da ieri i ragazzi se ne potevanoandavano alcuni a piedi, altri con gli amici locali fatti durante la permanenza al campo, altri col bus. Quindi ogni giorno o ogni 12 ore le regole paiono mutare. La volontà quindi, dopo il mega investimento per la costruzione del campo e di svuotarlo totalmente ed in fretta (visto che hanno cominciato a distribuire documenti a tutti), sembra entro lunedì, ciononostante negli ultimi giorni sono state riparate la rete di recinzione e gli impianti idrici. Le dinamiche all’interno del campo, secondo quanto riportato da un mediatore culturale (Giuseppe) sono le stesse di un carcere o un luogo di detenzione, ed in pratica lo è per chi non ha alcuna risorsa economica. Da questo, probabilmente dipendono le fughe in massa dei primi del mese (2200 scappati, su 2400 sotto gli occhi dell’inerme ed ancora una volta incompetente polizia, il 1 aprile) La stampa ufficiale ha calcato la mano sul malcontento dei cittadini di Oria e Manduria, che invece per le testimonianze che ho raccolto io sono sempre stati molto accoglienti e ospitali, portando cibo, amicizia e solidarietà. Le ronde accadute durante la notte di fuga in massa sono rimaste un caso isolato e organizzato da cittadini simpatizzanti x forze di destra. Le esperienze dei giovani intervistati sono comunque molto simili. Sono partiti carichi di speranze per cercarsi una vita migliore, visto che dopo la rivoluzione anche chi aveva il lavoro si è trovato disoccupato. Il turismo e l’industria si sono fermati. Il viaggio è stato tragico per tutti, qualcuno ha visto dei compagni morire in mare di stenti, per giorni senza acqua nè cibo. Riad non voleva neanche partire, è stato scelto dalla famiglia per trovare un lavoro che li avrebbe aiutati. “Prima della rivoluzione” -dice- ” avevo un lavoro nel turismo e studiavo e ora sono solo qui da 19 giorni. Siamo come dei clandestini, ma ogni giorno migliora.” Dali invece è stato fra gli attivisti durante la rivoluzione e passava ogni notte su internet per mesi per diffondere la controinformazione e ha scavalcare i proxy. Prima della rivoluzione, dice, ci siamo uniti e ora non abbiamo più paura di Ben Ali e dell’esercito in strada. Dopo il 20 marzo ero a Lampedusa, e ho lasciato la tunisia perchè non c’erano combiamenti, e non si poteva parlare di politica se si voleva restare vivi. Sono stato in mare 4 gg, senza acqua nè cibo e ho avuto paura di morire. Se tornassi indietro e mi offrissero soldi e lavoro non lo rifarei più il viaggio. Continua dicendo che vorrebbe stare in politica, ma non in un partito, ma con la gente della rivoluzione, senza soldi, perchè ama la tunisia. Mohamed, come gli altri ha pagato 2000diram (1000 euro) per imbarcarsi. Ed il viaggio è stato molto pericoloso, con 100 persone su una barca da 6 mt. “Ora provo ad andare a Roma” dice, la “ho degli amici, ma non ho soldi e non so se mi faranno partire e dove dovrò andare. Poi si vedrà.” In passato ero già sbarcato a Malta, ma la polizia lo aveva rimpatriato. Aberatak è stato 4 giorni nella barca, poi a Lampedusa, poi a Manduria 20 giorni. Racconta anche lui quanto il viaggio fosse stato duro a causa del maltempo. Ringrazia il suo dio di averli fatti arrivare tutti sani e salvi, e anche il ragazzo di 23 anni che ha condotto la barca. La sorella è in Germania, come la compagna. Racconta anche lui della perdita di lavoro seguente la rivoluzione e della generale corsa all’Europa, con l’aspettativa di migliorare le condizioni di vita. Anche lui conferma che gli abitanti del posto sono stati generosi e accoglienti e la sua speranza è di trovare amici e rispetto in Europa. Francesco (centro sociale di Taranto Cloro Rosso) ci racconta si continua a non capire bene quale sia la destinazione dei ragazzi, soprattutto ora che stanno distribuendo permessi.Chi non ha soldi a sufficienza non può lasciare il campo e si creano molte divisioni interne (la logica del campo è quella di dividere). Per sopperire a questo gli attivisti che ruotano attorno al campo forniscono tutta una serie di servizi che manca alla gestione. L’istituzione abbandona i ragazzi che devono ricercare fra la popolazione risorse alimentari, assistenza giuridica e medica e purtroppo i volontari autonomi sono troppo pochi. Non si conosce il futuro di questo centro; se sarà chiuso e se sarà adibito ad ospitare nuove ondate di migranti, vuoi libici vuoi tunisini. Ogni diritto umano viene violato al campo per condizioni fisiche e psicologiche, alimentando principalmente uno stato di incertezza generale (fra popolazione e utenti del campo). Chi ha i soldi se ne andrà dove ha contatti o vuole andare, gli altri (che non posseggono 30 euro) saranno portati dopo martedì27-4 alle diverse strutture caratis di tutta italia. Lasciando il campo comunque i problemi non sono finiti, ora bisogna capire come sarà affrontare le frontiere e le diverse polizie. La Francia ha richiesto 30 euro al giorno per ogni giorno di permanenza e fatto il calcolo nessuno avrà 5000 euro in tasca il giorno che passa la frontiera. Oggni 23 aprile, il campo è quasi vuoto, sono rimasti in 202 tunisini incerti su quello che avverrà. Come già detto questi non hanno soldi e la loro destinazione sarà in mano alle istituzioni. http://www.youtube.com/watch?v=3-5n5b3NYYE&feature=related http://www.youtube.com/watch?v=RMxzN-WB_0E  
Share

One Comment

Post Comment

goin up
t Twitter f Facebook g Google+