Press Enter to Search

StripLife

November 21st, 2013
English version   Striplife-loca-50x70Gaza, Palestina. Una striscia di terra distrutta dalle continue guerre, una prigione a cielo aperto di cui parlano tutti i giornali ma che nasconde complessità e diversità che non sono ancora state raccontate. Movieng to Gaza è un progetto che ha portato alla realizzazione di un film collettivo, StripLife. Il film è stato realizzato da videomakers italiani e palestinesi, condividendo idee, storie, visioni e competenze tecniche. Non un film su Gaza, ma con Gaza.   Se vuoi maggiori informazioni: SINOSSI:   Striscia di Gaza. Un evento inspiegabile è avvenuto durante la notte: decine di mante si sono arenate sulla spiaggia principale di Gaza City. Carretti di pescatori accorrono da tutta la Striscia, per accaparrarsi carne fresca. Intanto la città si sveglia. Antar sprona il fratello ad alzarsi, è il grande giorno, nel pomeriggio inciderà il suo primo disco. Noor si trucca, dovrà apparire davanti alle telecamere. Jabber è già nel campo. Gli spari dei fucili gli ricordano che vive nella zona cuscinetto che separa Gaza da Israele. Un corteo si snoda per le strade. Moemen è lì per fare il suo lavoro, il fotografo. Al porto una barca rientra con lo scafo crivellato dai proiettili. Il canto del muezzin invade lo spazio, moltiplicato dai minareti. Come in un sogno, i ragazzi del Parkour Team piroettano in un cimitero. La vita nella striscia si snoda fino alla notte. Striplife è un film corale che racconta la striscia di Gaza. Nell’arco narrativo di una giornata, le storie dei personaggi si fondono alla descrizione del contesto ambientale. Uomini e donne che resistono, capaci di tenerezza e sorrisi, determinati a non soccombere a condizioni di vita che appaiono impossibili. Il film nasce da un progetto collettivo ed è stato realizzato da videomakers italiani e palestinesi, condividendo idee, storie, visioni e competenze tecniche.    
Guarda le foto del back-stage
   
Premi vinti
  Al 31 Torino film festival:   Premio Speciale della giuria per Italiana.doc Con la seguente motivazione: Racconta, attraverso intelligenti scelte cinematografiche, la normalità di una giornata nella Striscia di Gaza. Un film che contrasta volontariamente con l’overdose di immagini di guerra veicolate e consumate attraverso i media.   PREMIO AVANTI! La Giuria del Premio AVANTI (Agenzia Valorizzazione Autori Nuovi Tutti Italiani) composta da Pietro Bianchi, Chiara Boffelli e Andrea Zanoli ha visionato i film delle sezioni Italiana.doc e Italiana.corti. Propone, quindi, per la distribuzione nel circuito culturale curata da Lab 80 film, il seguente film con le seguenti motivazioni: Per l’originalità del progetto e per aver saputo descrivere in una forma innovativa un luogo particolarmente difficile come la Striscia di Gaza, reso invisibile dall’eccesso di immagini stereotipate con il quale quotidianamente viene guardato e descritto. È stata in particolar modo apprezzata la consapevolezza formale e la maturità dimostrata da quest’opera, che riesce a farci comprendere come per descrivere il reale non basti guardarlo così com’è, ma sia necessaria la mediazione cinematografica.   PREMIO GLI OCCHIALI DI GANDHI Con la seguente motivazione: Un film collettivo con una forte coerenza stilistica e di intenti. Il problema del conflitto israelo-palestinese è trattato in modo nonviolento e universale attraverso un racconto corale in cui è la vita quotidiana il motore per azioni autentiche che superano la distinzione amico-nemico. Un esempio chiaro di lotta nonviolenta attraverso la quotidianità della resistenza. Le azioni dei protagonisti, pur delimitate da un confine geografico ristretto e opprimente, si aprono a un contatto profondo con il mondo esterno.
Share
There are no comments yet, add one below.

goin up
t Twitter f Facebook g Google+